Arrivederci Sky

Arrivederci_SkyStamattina, dopo una lunga storia non d’amore, sinceramente, ho riconsegnato decoder, tessera, telecomando e digital key a Sky. Circa un paio di mesi fa mi avevano staccato il segnale (ovviamente su mia disdetta, non si sono fumati il cervello a Sky, almeno per il momento). Come ho scritto nel titolo del post, si tratta di un arrivederci e non necessariamente di un addio; però qualcosa deve cambiare anche lato Sky, altrimenti tornare cliente sarà veramente dura.

Nel riconsegnare il materiale, ovviamente, l’addetta dello Sky Service a cui mi sono rivolto ha tentato un ultimo disperato tentativo di non perdermi come cliente, ma la ferita ormai era insanabile. Una “ferita” che ha avuto origine un paio di anni fa, circa, per una scoperta scioch che feci: pagavo oltre 70 euro per l’abbonamento full, ma c’erano diverse persone che su internet dichiaravano di pagare molto meno (intorno ai 50 euro, indicativamente). Alla base di questo “sconto” c’era, di fatto, un comportamento “furbetto” da parte di questi utenti: la minaccia della disdetta.

Io che ero stato, negli anni, un cliente pacifico, mai polemico con Sky, mi ritrovavo ad essere il fessacchiotto che paga e non riceve nulla da Sky (a parte, ovviamente, la fruizione dei contenuti televisivi, si intende). E allora l’anno scorso, verso l’estate, mi dissi «Provo a mandare la disdetta a Sky, vediamo che succede». E così feci. Ovviamente a Sky non sono polli, non è che si fiondano a implorarti di rimanere loro cliente. Le prime chiamate dai call center erano del tipo «Purtroppo non ci sono offerte per la sua utenza, mi dispiace», insomma, ti chiamavano per cercare di demoralizzarti. Ma a me, che in fin dei conti non ero spaventato dallo spettro di rimanere senza pay tv, andai avanti, volevo vedere il bluff di Sky. E così, man mano che la scadenza contrattuale si avvicinava, ecco che le telefonate dei call center diventavano più concilianti e “propositive”, ma a questo punto ero io che li liquidavo seccamente.

Finché un giorno arriva la proposta indecente: abbonamento full di Sky + HD + Sky Go + ecc., a 49 euro. Beh, non male, dico di richiamarmi un’ora dopo, perché ne devo parlare con mia moglie. L’operatore Sky mi richiama e sento subito che sembra avere una certa fretta di passare alla registrazione. Io  le chiedo (era una donzella) di ripetermi il contenuto dell’offerta e mi accorgo immediatamente che manca l’HD (prima c’era, gliel’avevo anche chiesto espressamente). Al che, ovviamente, mi girano alquanto, butto giù la chiamata e dico “mai più”. Chiaramente avevo parlato troppo presto, perché mia moglie voleva comunque seguire almeno i talent di Sky, quindi, dopo qualche giorno dallo spegnimento del segnale, accettai una riconnessione con Sky TV + HD + documentari a 19 euro al mese per 12 mesi.

Morale della favola:

  1. A mio avviso, in parte (ma non solo) a causa della perdita della Champions League, il valore complessivo dell’offerta Sky è sceso, mantenendo però dei prezzi costanti, decisamente alti. Vale i soldi che spendi se puoi permetterti di guardare la tv tutto il giorno, altrimenti la cifra mensile che si spende è decisamente troppo elevata. L’attuale principale competitor, Mediaset Premium, ha prezzi inferiori (avendo, però, un’offerta meno completa rispetto a quella Sky); personalmente, però, trovo calibrato meglio il prezzo di Premium.
  2. I call center di Sky hanno la tendenza ad essere truffaldini. Ovviamente non si può dire che siano tutti così, ma in generale ho l’impressione (confermata dalla persona dello Sky Service) che tramite telefono gli operatori abbiano spesso la tentazione a barare, probabilmente per portare a casa il cliente e “fare numeri”.
  3. La politica commerciale di Sky è quantomeno discutibile: continuando di questo passo, infatti, sicuramente può essere molto brava a catturare nuovi clienti, ma poi rischia di far rimanere solo i clienti più rompiscatole e far scappare quelli più mansueti. Con listini più bassi, probabilmente, avrebbe lo stesso numero di clienti, ma più stabili e meno incentivati all’utilizzo del ricatto della disdetta.
  4. In generale, con 5 euro di raccomandata hai la possibilità di accedere a sconti che possono arrivare fino a 150-200 euro sull’abbonamento annuale. Questo, ovviamente, dipende fortemente dal punto precedente.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...