L’autostrada nella riserva Tipnis

Migliaia di indios boliviani di diverse etnie faranno partiranno domani per una marcia di 600 chilometri dalla città amazzonica di Trinidad e raggiungeranno la capitale La Paz. Vogliono difendere il Parque Nacional Isiboro Secure, la maggiore riserva ecologica della Bolivia, abitata da 50.000 persone. Il parco è minacciato dalla costruzione di oltre 300 km di autostrada che spaccheranno in due questa zona dell’Amazzonia boliviana, imponendo l’abbattimento di circa mezzo milione di alberi.

La decisione di intraprendere la marcia è stata presa in seno alla Confederación de Pueblos Indígenas de Bolivia (CIDOB) che ha deciso di intraprendere mobilitazioni in difesa del territorio Tipnis. La decisione è stata presa durante il recente incontro nazionale che i popoli indigeni delle terre basse hanno svolto a Trinidad nel Dipartimento di Beni.

La loro determinazione è molto forte e li ha portati, qualche giorno fa, a respingere qualunque forma di negoziato in sua assenza. Attraverso un comunicato pubblico, infatti, le comunità del Territorio indigeno Parco Isiboro Secure affermano recisamente: “Non riconosciamo alcun negoziato o accordo che si stia sviluppando con il Governo centrale o dipartimentale che non contempli la nostra presenza, perché consideriamo che queste azioni, senza la nostra partecipazione, violano i nostri diritti e la Costituzione politica dello Stato”.

Costruire la strada, poi, comporterebbe importanti implicazioni a livello ambientale. Senza la strada ed al ritmo attuale della deforestazione, il Tipnis registrerebbe una perdita del 43% delle sue foreste in un arco di tempo che arriverebbe al 2030. Aprendo la strada, la percentuale schizza al 64,5%, 610.848 ettari disboscati nel giro di 18 anni. Questi livelli di deforestazione equivalgono a 100 milioni di tonnellate di diossido di carbonio liberati nell’atmosfera, con un valore da i 100 e i 200 milioni di dollari nel mercato volontario del carbonio.

Questa è la proiezione, sulla base di indicatori biofisici e socioeconomici, fatta dalla ricerca Viabilidad económica e institucional para el desarrollo de iniciativas de Bosque y Cambio Climático en el TIPNIS, appoggiata dal Programa de Investigación Estratégica en Bolivia (PIEB), nel quadro dell’iniziativa ‘Sostenibilidad de las Áreas Protegidas’.

fonte: il Cambiamento

One thought on “L’autostrada nella riserva Tipnis

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...