Il Giappone e il terremoto senza fine

Un forte terremoto di magnitudo 6.5 è stato registrato nel Giappone nordorientale alle ore 13.34 locali (le 6.34 in Italia), nella stessa area del devastante sisma/tsunami dell’11 marzo scorso.

L’epicentro, ha riferito la Japan Meteorological Agency (Jma) senza lanciare alcun allarme tsunami, è stato individuato nelle acque dell’oceano Pacifico poco al largo della costa della prefettura di Miyagi, alla profondità di 40 km.

L’intensità della scossa, avvertita da Hokkaido alla prefettura di Shizuoka e soprattutto nella prefettura di Iwate, è stata di 5+ sulla scala di rilevazione nipponica di 7, mentre la tv pubblica Nhk ha reso noto che al momento non ci sono notizie di danni a persone o cose. Nessuna anomalia è stata segnalata presso la centrale di Fukushima, all’origine della peggiore crisi nucleare da quella di Cernobyl del 1986.

(Rainews24)

L’emergenza in Giappone continua, anche se qui in Italia, soprattutto dopo l’esito positivo del referendum abrogativo, l’interesse sulle vicende della popolazione nipponica e della centrale nucleare di Fukushima si è notevolmente affievolito. Il Giappone continua ad essere scosso da potenti scosse e finalmente stanno cominciando a capire che i rischi delle centrali nucleari sono superiori ai benefici, in un contesto nel quale il terremoto è, quasi, all’ordine del giorno. Chissà che anche gli accesi nuclearisti si stiano cominciando a convertire all’idea delle energie rinnovabili…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...