Democrazia secondo Beppe Grillo e Casaleggio Associati

Democrazia: parlarne, praticarla, combattere per essa. O, a scelta, riempircisi la bocca per poi fare tutt’altro: succede anche questo; e succede anche da parte di qualcuno che, proprio, non te l’aspetteresti, vista la mole di parole che scrive e dice appunto sulla democrazia. E’ lui, Beppe Grillo. Lo conosciamo: una figura indubbiamente controversa dello scenario politico italiano; partito come autore e attore comico di successo, si è letteralmente buttato in politica, e tutti ricordiamo i toni e le modalità della sua discesa in campo. Toni antipolitici, li definisce il giornalismo nostrano: toni anticasta, contro la politica, ovvero, contro tutti i politici, indistintamente. Sono tutti da buttare, secondo Beppe Grillo, tutti: sono residuati bellici, gente vecchia che parla di concetti vecchi, che propaganda tecnologie “morte e sepolte” come il nucleare, che vive una politica putrefatta. Insomma: da uno che organizza i “Vaffanculo Day” contro la politica italiana, non ci si può aspettare clemenza contro nessuno. Né lui ne mostra; ed è suo preciso interesse presentarsi come radicalmente alternativo rispetto alla classe politica di questo paese.

PREMIATA DITTA CASALEGGIO & GRILLO – Di cosa stiamo parlando? Di una storia potenzialmente esplosiva, che ormai, sulla rete grillina, è di dominio pubblico. Beppe Grillo è un uomo capace di radunare consenso intorno a sé, e questo consenso lui lo raduna – e, giustamente, se lo rivendica – dove altri sono arrivati solo dopo: appunto sulla rete, su Internet. Quando la politica moriva nelle sezioni, Beppe Grillo animava i Meetup, invenzione americana importata in Italia e propagandata nei suoi spettacoli, e che hanno iniziato a crescere esponenzialmente. Chiunque, con impegno anche minimo, poteva essere parte di questo progetto politico innovativo, diffuso, sul territorio. Orizzontale, di base, animato e gestito dagli stessi cittadini, oltre i partiti, oltre tutto, oltre oltre oltre: insomma, questi concetti qui. Beppe Grillo è quello che per primo ha iniziato a dire che quei signori incravattati che siedono in Parlamento non sono nostri rappresentanti ma nostri dipendenti, nel senso del rapporto lavorativo visto che percepiscono denaro pubblico, e che come dipendenti in un’azienda debbono essere trattati e valutati: col pugno, appunto, del padrone, che li tiene sotto controllo, li bracca, gli sta alle costole. Sua l’idea di far entrare nelle riunioni pubbliche degli organismi elettivi – consigli comunali, provinciali – i suoi ragazzi con la telecamera a documentare tutto e a riportare sul web, perchè, appunto, tutto dev’essere trasparente e controllato in maniera diffusa. La democrazia ai tempi della rete, e Beppe Grillo ne è cantore. Ma tutto questo, e l’abbiamo raccontato più volte, Beppe Grillo non lo fa da solo: il suo notissimo blog, tutte le sue produzioni editoriali, le menti politiche dietro il “progetto” Beppe Grillo e, a cascata, il Movimento 5 Stelle, sono i fratelli Casaleggio, Davide e Gianroberto, proprietari dell’omonima ditta Casaleggio & Associati, che produce tutto il materiale per Grillo, dal sito internet ai Dvd che distribuisce, nonché le risorse a cui lui si appoggia, come la mappa della borsa italiana; consulenti globali per le nuove tecnologie, sono, e un po’ giocano ad essere, l’intelligenza grigia del movimento grillino. Vedremo fra un attimo che tali sono in effetti considerati.

Continua a leggere

One thought on “Democrazia secondo Beppe Grillo e Casaleggio Associati

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...