Il Disastro di Chernobyl: 25 anni dopo

Sono trascorsi 25 anni dal terribile incidente della centrale nucleare di Chernobyl, uno dei più tragidi incidenti umani che la storia abbia mai potuto raccontare e un terribile errore che continua, a tutt’oggi, a mietere vittime per le conseguenze delle radiazioni disperse nell’ambiente quel 26 aprile 1986. Chernobyl e le zone limitrofe alla ex centrale nucleare sono zone di non-vita, tutto si è fermato ed azzerato a quel maledetto giorno che ha stravolto la vita e l’opionione della popolazione mondiale.

Ed oggi, a 25 anni di distanza dal disastro, si continua a parlare di centrali nucleare come soluzione semplice ed efficace al problema dell’approvvigionamento energetico. Cioè, abbiamo il passato (Chernobyl), il presente (Fukushima) e ancora vogliamo dare un futuro al nucleare? Ma siamo totalmente rincoglioniti? Oppure qualcuno ha mazzette di banconote che gli coprono gli occhi da non vedere gli effetti potenziali ed effettivi che un incidente nucleare può comportare sulle popolazioni e sull’ambiente, quest’ultime conseguenze che garantiscono tumori su tumori pure alle generazioni future?

Senza dimenticare, comunque, l’8 novembre 1987 i cittadini italiani si sono espressi platealmente contro le centrali nucleari in Italia, per non parlare della partecipazione dell’Enel alla costruzione di nuove centrali nucleari all’estero. La vox populi non conta più nulla? E se conta veramente, perché è necessario proporre un nuovo referendum contro il nucleare? Non basterebbe appellarsi a quel risultato per far saltare il banco a chiunque proponesse di riportare l’energia dell’atomo in Italia? Il nucleare costa caro, sia in termini di salute e vite umane, sia in termini economici, argomento a cui spesso si è pure più sensibili. Fortuna che pare che le volontà nucleari siano state sopite, anche se sembrerebbe trattarsi di tentativo disperato di boicottare i refendum di giugno, tanto per far contare sempre meno la volontà popolare.
Voglio infine ricordare il sito del Chernobyl Day per ottenere maggiori informazioni e per “agire” direttamente contro il nucleare.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...