La fusione fredda in Italia

Riporto una parte del video della dimostrazione dell’esperimento condotto a Bologna dall’ingegnere Andrea Rossi e dal professor Sergio Focardi, esperimento scientifico che sembra dare speranza a chi ha atteso per anni la scoperta della fusione fredda, un nome generico attribuito a reazioni di presunta natura nucleare, che si produrrebbero a pressioni e a temperature molto minori di quelle necessarie per ottenere la fusione nucleare “calda”, per la quale sono necessarie temperature dell’ordine del milione di kelvin e densità del plasma molto elevate. Alcuni studiosi ritengono che il termine fusione fredda sia da sostituire con il termine LENR, in quanto tutti i fenomeni qui di seguito descritti appartengono alla famiglia delle reazioni nucleari a bassa energia.

Dopo il clamore provocato nel 1989 dagli esperimenti di Martin Fleischmann e Stanley Pons (Università di Salt Lake City – Utah), poi ripetuti in diversi laboratori, sono seguiti degli studi teorici, tra i quali quelli di Giuliano Preparata, docente di Fisica Nucleare all’Università di Milano, che elaborò la sua “teoria coerente sulla fusione fredda”. Nel maggio 2008 Yoshiaki Arata, uno dei padri della fusione nucleare calda nipponica, insieme alla collega Yue-Chang Zhang, ha mostrato pubblicamente ad Osaka un reattore funzionante con pochi grammi di palladio. Se il successo di questo esperimento sia dovuto alla fusione fredda o piuttosto ad una forma ancora non conosciuta di sviluppo di energia è tuttora oggetto di controversie.

La fusione fredda potrebbe essere la soluzione ai nostri problemi di approvvigionamento energetico e questi risultati possono dare qualche speranza in più su questo percorso. Inoltre si tratta di una scoperta italiana, frutto dell’ingegno e della ricerca italiana, ricerca tanto criticata e svalutata dalla nostra politica, per cui la soddisfazione è duplice. Mi auguro che questo risultato sia il primo di tanti successi su questo campo. Questo è comunque una buona notizia, finalmente, che rende più piacevole l’inizio di questo nuovo anno.

Annunci

2 thoughts on “La fusione fredda in Italia

  1. Pingback: Democrazia Diretta – Notizie del 2011/01/19 « Democrazia Diretta News Radar

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...