Ruby e il sesso con Berlusconi

La procura di Milano non ha perso tempo ed ha accusato il premier Silvio Berlusconi di un nuovo reato: favoreggiamento della prostituzione minorile. Il caso risale alla nota vicenda di Ruby Rubacuori, la ragazza marocchina che è stata lasciata in libertà grazie all’interessamento diretto del premier il quale, tramite persone di sua fiducia, l’avrebbe messa sotto la custodia di Nicole Minetti, la sua igienista dentale fatta parlamentare. Secondo la procura di Milano Berlusconi avrebbe avuto rapporti sessuali con la suddetta ragazza, ben sapendo che era minorenne, e in cambio di favori e sontuosi regali. Riporto dal sito di Repubblica:

Ascoltiamola al telefono, ora che è a Milano e si racconta a un amico: “A me non me ne frega niente, la mia vita non è qui, faccio più soldi possibile e poi me ne torno in Marocco…”. In questa conversazione si parla di Berlusconi, appaiono cifre che possono nascere dalla fantasiosa millanteria della ragazza, eppure chi ha letto le carte su tre punti è molto esplicito: “Quando diventeranno pubbliche le fonti di prova, chiunque potrà rendersi conto come sia evidente che Ruby ha fatto sesso con il presidente, il quale era consapevole della sua minore età, e che in cambio è stata generosamente retribuita”.
Sesso con il presidente: questo è il punto che nelle interviste e negli interrogatori Ruby nega con ostinazione. Per lei questa vaghezza è una nuova opportunità e lo confessa in qualche occasione: “Mi pagano per parlare. Mi pagano per tacere. Sono diventata ricca”.

E’ chiaro come la ragazza stia sfruttando la situazione, trovandosi fra due fuochi. Popolarità più soldi facili, è quello che aveva sempre desiderato ed ora sta riuscendo nei suoi intenti. Chiaramente non è facile crederla completamente attendibile, sia quando afferma di aver fatto sesso con Berlusconi, sia quando lo nega. Personalmente, è avvilente vedere una politica italiana legata a tematiche così frivole e prive di contenuti. Quello che bisogna capire è perché Silvio Berlusconi si sia sputtanato così facilmente per aiutare una ragazza minorenne, immagino ben sapendo che qualche illazione (anche se totalmente infondata) sarebbe venuta fuori. Berlusconi non è stupido, è un abile pubblicitario e sa come indirizzare e manipolare l’opinione pubblica a suo favore, magari scegliendo il male minore. Avrà avuto i suoi buoni motivi, quindi, per creare un caso “privato” come quello di Ruby, non credo all’ipotesi di un Berlusconi rimbambito dall’età, è quasi inverosimile.

Comunque sia, va detto che Berlusconi non rischia poco. Qualora fosse condannato, anche solo per un brevissimo periodo di detenzione, sarebbe costretto a scontarlo, perché la stessa legge proposta dal suo governo impedisce benefici carcerari per questo tipo di reato. E il legittimo impedimento indebolito non lo agevola ulteriormente, probabilmente costringerà i suoi fidati onorevoli-avvocati a creare una scappatoia legislativa per non rischiare nulla. Quindi, Angelino e Niccolò sono avvisati…

Annunci

One thought on “Ruby e il sesso con Berlusconi

  1. Pingback: Alza i tacchi, Silvio! « Risklover Weblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...