Berlusconi esporta il “bunga bunga”

Direi che ormai sulla rete e sui media in generale non si parla d’altro. Il “bunga bunga” è sulla bocca di tutti, un po’ ovunque si parla di questa ragazza minorenne marocchina (Ruby) aiutata dal nostro premier Silvio Berlusconi nel maggio scorso con una telefonata che le ha permesso di divincolarsi da un’accusa di furto, se non ricordo male, ovviamente. Si tratta dell’ennesimo scandalo sessuale che coinvolge Berlusconi, anche se non si è parlato formalmente di festini hot o di rapporti sessuali con la suddetta ragazza, ma lo si è presunto dato che la ragazza è molto avvenente e pare abbia ricevuto “aiuti economici” dallo stesso premier, a fondo perduto secondo lui, a sfondo sessuale secondo gli organi di informazione.

Non voglio entrare troppo nel dettaglio della vicenda, perché non ho elementi validi per trattarla (dato che si fanno miriadi di ipotesi) e perché non mi interessa farlo, dato che la reputo più una vicenda privata e personale del Cavaliere. Come ho fatto in passato, invece, voglio sottolineare il ruolo istituzionale di Silvio Berlusconi e dell’immagine che lui stesso trasmette all’estero dell’Italia, della politica italiana e dei cittadini. Berlusconi è un uomo separato (ma andava a donne anche quando era sposato, sia nel primo sia nel secondo matrimonio), è libero di andare a letto con chi vuole, ha i soldi per pagare tutte le escort che desidera senza che nessuno gli muova la benché minima critica. L’uomo Berlusconi può fare ciò che vuole, stando semplicemente attento a non trombarsi le minorenni, vizietto che sembra avere. È l’uomo politico, pubblico, che deve star lontano da certi comportamenti, perché quando Berlusconi riveste la carica di presidente del Consiglio lui rappresenta l’intero Paese, non semplicemente Silvio Berlusconi e/o il suo impero economico. Il suo stile di vita tanto amato dal presidente è in aperto contrasto con la decenza che deve avere un ruolo istituzionale come quello ricoperto dall’occupante di Palazzo Grazioli.

Si potrebbe dire che lui rappresenta appieno un Paese che va a puttane, ma ci deve sempre essere un certo divario tra il ‘dire’ e il ‘fare’. Non riesco nemmeno a capire se Berlusconi voglia svendere la propria immagine personale pur di salvarsi le chiappe dai processi in corso a suo carico. Bisogna infatti sviare l’attenzione su temi più da gossip per sistemare nell’ombra le faccende a lui molto care. Qualunque sia il motivo, sta di fatto che Berlusconi sta ridicolizzando l’Italia agli occhi degli esteri, siamo gli zimbelli d’Europa e manca poco che lo diventiamo pure del mondo. Quantomeno dovrebbe scusarsi col popolo italiano, prima di ritirarsi dalla politica (nell’ipotesi che volesse continuare col suo stile di vita attuale).

Annunci

2 thoughts on “Berlusconi esporta il “bunga bunga”

  1. Pingback: Berlusconi esporta il “bunga bunga” | IlTuoWeb.Net News

  2. Pingback: Bunga bunga: ci deridono dal Manzanarre al Reno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...