Bentornato nucleare!

bentornato_nucleare.jpg

Il disegno di legge sullo sviluppo è legge, dopo il voto favorevole del Senato (voto favorevole di PdL, Lega ed UDC, astensione di PD e IdV). Tra i vari punti, c’è anche la riapertura verso il nucleare, come già anticipato il 13 maggio scorso. Nella fattispecie, il ddl prevede che:

Il governo potrà pilotare l’Italia nel ritorno al nucleare. Avrà sei mesi di tempo per localizzare i siti degli impianti, potrà definire i criteri per lo stoccaggio dei rifiuti radioattivi, dovrà individuare le misure compensative per le popolazioni che saranno interessate dalle nuove strutture. Per la costruzione di centrali, è noto, saranno necessari anni, ma l’iter sarà velocizzato. Viene poi creata una agenzia per la sicurezza del nucleare.

Innanzitutto voglio vedere come si farà a trovare dei siti adatti per gli impianti nucleari, nonché le zone per lo stoccaggio delle scorie radioattive. L’Italia è un Paese ad elevato rischio sismico, ma in molte zone è rilevante anche il rischio idro-geologico. In Italia, una zona poco sismica è solamente la pianura padana, ma non tutta. E comunque il rischio di terremoti non è mai nullo. Voglio vedere come si farà a trovare siti adatti nell’Italia centro-meridionale. Quale balle si inventeranno pur di ammettere zone ad elevato rischio? E già mi immagino quanti comitati cittadini saranno disposti a nascere per contrastare questa politica impopolare del governo. Impopolare perché il nucleare non è stato richiesto dai cittadini ed inoltre c’è sempre un referendum abrogativo che medita vendetta.

Infatti, vorrei chiedere ai passanti se siete d’accordo col ritorno al nucleare in Italia, proponendovi un semplice sondaggio.

Votate votate votate, non costa nulla… finché non trovo il modo di farmi pagare! 😛

Annunci

3 thoughts on “Bentornato nucleare!

  1. Il ritorno al nucleare rapresenta un enorme passo indietro. Per l’ambiente, perchè è una tecnologia pericolosa. Per l’economia, perchè è costosa. Per la democrazia, perchè il Referendum del 1987 aveva deciso che in Italia non si sarebbe più dovuto fare ricorso all’energia nucleare.

  2. Pingback: Fame di Energia « Risklover Weblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...