Quorum del referendum e dati sull’affluenza

quorum_referendum.jpg

I 3 quesiti referendari sulla legge elettorale non hanno raggiunto il quorum previsto del 50% + 1 e così il tentativo di modificare il porcellum calderoliano è andato in fumo, come i soldi pubblici per l’0rganizzazione del referendum stesso. Io sono tra quelli che ha votato, ben conscio che il mio voto sarebbe stato inutile, perché i dati sull’affluenza al referendum erano bassi fin da subito, denotando uno scarso interesse verso i tre quesiti, forse troppo tecnici per raccogliere il voto popolare.

Proprio sui dati sull’affluenza, comunque, voglio dire la mia, poiché se è normale e sensato diffondere i dati dell’affluenza delle elezioni, mi sembra alquanto scorretto diffondere quelli riguardanti il referendum. Infatti, se per le elezioni non esiste quorum e l’affluenza è un mero dato secondario, per il referendum costituzionale il quorum è un pilastro importante, un ostacolo spesso insormontabile. Diffondere i dati sull’affluenza al referendum finisce col condizionare il voto di chi ancora deve recarsi al seggio. Se io so che il quorum è molto lontano, posso essere giustamente tentato dal non recarmi al seggio elettorale, evitando di perdere tempo. Per fare un paragone con le normali elezioni, sarebbe come diffondere risultati di exit poll o proiezioni prima del termine delle votazioni. In tal caso, infatti, si finirebbe col condizionare il voto dei cittadini, rendendo parziale il loro voto.

E’ un ragionamento sbagliato il mio? Io lo dico semplicemente perché mio padre ha deciso di non votare, credo soprattutto a causa della scarsa affluenza pubblicizzata sui media. Ovviamente non è che il referendum non abbia raggiunto il quorum per questo motivo, ma certamente ha comunque influenzato l’elettorato. Mi chiedo, difatti, come sia possibile organizzare un referendum costituzionale il 21 e 22 giugno, primi giorni d’estate. Pretendere un’affluenza massiccia in queste date è pretendere un miracolo, a mio avviso! Non è proprio possibile organizzare le votazioni in periodi più consoni? I referendum, o si fanno bene o non si fanno. Di sprechi pubblici, in Italia, siamo già fin troppo pieni, meglio tagliare quello che può essere tagliato.
Infine, il forte astensionismo è comunque un segnale preoccupante, perché denota come i cittadini italiani siano disaffezionati alla politica, anche un po’ distanti. Capisco l’assenteismo alle elezioni, un po’ meno quello al referendum, poiché i referendum sono rimasti i pochi strumenti di esercizio diretto della politica da parte dei cittadini. Vero è che spesso se ne sbattono dei referendum, ma la risposta al loro menefreghismo non deve essere il disinteresse, altrimenti faremo sempre il loro gioco. Questo vale per questo referendum, ma soprattutto per il futuro, il nostro futuro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...